Forme verbali arabe - awzan

X
Coniuga

Forme verbali in arabo - awzan

Le forme verbali in arabo (أوزان awzan in arabo) sono numerate da uno a quindici, anche se solo le prime dieci sono di uso comune. I verbi in ogni forma si coniugano in modo simile, e a volte la forma di un verbo indica qualche aspetto del suo significato.

All'interno di ogni forma alcuni verbi si coniugano in modo leggermente diverso. Ogni forma contiene diversi modelli di coniugazione, ognuno dei quali è costituito da verbi che hanno esattamente lo stesso modello di coniugazione. Ad esempio, nella forma I il verbo كَسَرَ "rompere" ha la forma attuale أَكْسِرُ ‘Io rompo', ma il verbo أَكَلَ "mangiare" ha una forma attuale آكُلُ ‘Io mangio', quindi questi verbi sono in modelli diversi anche se sono entrambi nella stessa forma.

La maggior parte dei verbi arabi ha radici costituite da tre consonanti, ma occasionalmente le radici dei verbi possono contenere quattro consonanti (note anche come "radici quadrilatere"). Questi verbi possono apparire in una delle quattro forme leggermente diverse, numerate Iq, IIq, IIIq e IVq. Ci sono anche un paio di verbi irregolari che non si adattano a nessuna forma di verbo.

Forma I (فَعَل)

La forma I è la forma più elementare e non influisce sul significato principale del verbo.

Forma II (فَعَّل)

I verbi in forma II possono essere riconosciuti dal shaddah (lettera doppia) sulla loro radice mediale. Sono spesso controparti causali o intensive dei verbi in forma I. Per esempio, دَخَلَ "entrare" (forma I), دَخَّلَ 'portare’ (forma II), كَسَرَ 'rompere’ (forma I), كَسَّرَ 'andare in frantumi’ (forma II).

Forma III (فاعَل)

I verbi in forma III hanno un alif (suono lungo "a") dopo la prima lettera della radice. Spesso hanno un significato relativo all'agire su o con un'altra entità; per esempio, كَاتَبَ 'corrispondere con', ضَايَقَ 'disturbare’.

Forma IV (أفْعَل)

Questi verbi possono essere riconosciuti dalla loro iniziale أ nella coniugazione del passato, e sono spesso controparti causali dei verbi in forma I. Per esempio, شَعَرَ 'sapere’ (forma I), أَشْعَرَ 'informare’ (forma IV), صَلُحَ 'essere buoni’ (forma I), أَصْلَحَ 'correggere’ (forma IV).

Forma V (تَفَعَّل)

Questa forma verbo è creata dal prefisso تَـ alla forma II, e tende ad avere un significato passivo o riflessivo. Per esempio, تَعَلَّمَ 'imparare’, تَزَوَّجَ 'sposarsi’.

Forma VI (تَفاعَل)

Questa forma verbo è creata dal prefisso تَـ alla forma III, e tende ad avere un significato riflessivo o reciproco. Per esempio, تَسَارَعَ 'affrettarsi’, تَكَاتَبَ 'corrispondere tra loro’.

Forma VII (اِنْفَعَل)

Questa forma verbo è creata dal prefisso نـ o اِنـ alla forma I e tende ad avere un significato riflessivo o passivo. Per esempio, اِنْكَسَرَ 'rompere’ (daكَسَرَ ‘rompere’), اِنْفَجَرَ 'esplodere (intransitivo)’ (da فَجَرَ ‘esplodere (transitivo)’).

Forma VIII (اِفْتَعَل)

Questa forma di verbo è creata attraverso l'infisso ـتَـ dopo la prima consonante della radice, e il prefisso اِ quando non c'è nessun altro prefisso aggiunto al verbo. Spesso ha un significato riflessivo o passivo, ad esempio اِشْتَهَرَ 'essere famosi’, اِشْتَغَلَ 'occuparsi’.

Forma IX (اِفْعَل)

Si tratta di una forma rara che si verifica per lo più con pochi verbi che descrivono i difetti fisici e di colore, per esempio اِبْيَضَّ ‎'diventare bianco’ (da 'bianco’).

Forma X (اِسْتَفْعَل)

Questa forma verbo è creata facendo cadere la prima vocale della forma I e aggiungendo il prefisso سْتَـ o اِستَـ. Questi verbi hanno spesso un significato legato alla richiesta o alla ricerca di qualcosa. Per esempio استفهم 'chiedere’ (da فهم 'capire’), استكتب 'chiedere (qualcuno) di scrivere’ (da كتب 'scrivere’).

Forma XI (اِفْعَال)

Si tratta di una forma rara con un significato simile alla forma X. Per esempio اِخْضَارَّ 'diventare verde' (da 'verde').

Forma XII (اِفْعَوْعَل)

Si tratta di una forma molto rara che si verifica solo in pochi verbi, per esempio اِحْدَوْدَقَ 'circondare'.

Forma XIII (اِفْعَوَّل)

Si tratta di una forma molto rara che si verifica solo in pochi verbi, per esempio اِخْرَوَّطَ 'rimanere impigliati'.

Forma Iq (فَعْلَل)

Questa è la forma più elementare per i verbi con radici di quattro lettere. Spesso deriva da un sostantivo arabo correlato. Per esempio, تَرْجَمَ 'tradurre', تَلْفَنَ 'telefonare', وَسْوَسَ 'sussurrare'.

Forma IIq (تَفَعْلَل)

Questi sono spesso riflessivi e hanno un significato simile ai verbi in forma V. Ad esempio, تَمَرْكَزَ 'essere di stanza', تَزَلْزَلَ 'scuotere'.

Forma IIIq (اِفْعَنْلَل)

Si tratta di una forma molto rara che ha luogo solo in pochi verbi, per esempio اِجْرَنْثَمَ 'aderire'.

Forma IVq (اِفْعَلَل)

Questa forma verbo non è comune e di solito ha un significato intransitivo, per esempio اِضْمَحَلَّ 'decadere'.

Verbi irregolari

Il verbo comune per la negazione لَيْسَ 'non essere' esiste solo al passato.

Pubblicità
Pubblicità