Informazioni e suggerimenti - coniugazione verbo portoghese

X
Coniuga

La coniugazione dei verbi portoghesi

La maggior parte dei verbi portoghesi presenta una delle seguenti desinenze: -er, -ar o -ir e ogni gruppo verbale segue regole di coniugazione specifiche. Per coniugare un verbo regolare in portoghese, bisogna aggiungere alla radice del verbo diverse terminazioni in base alla persona, al modo, al tempo. Ci sono anche verbi irregolari in portoghese, come "dar", "fazer", "ir", che prevedono un cambiamento anche della radice.

Quando ci si avvicina alla lingua portoghese per la prima volta, oltre ai verbi irregolari, si può avere difficoltà a capire le differenze di coniugazione dei verbi tra Portogallo e Brasile, più altre particolarità dei verbi portoghesi:

Diverse alternative per i pronomi alla 3ª persona

A seconda della regione e del registro del discorso, il portoghese ha sviluppato diverse alternative per indicare la 3ª persona, al singolare e al plurale, oltre alle forme che includono i pronomi personali.

  • Quando si è molto cortesi e formali, si può usare "a senhora/o senhor; as senhoras/os senhores" invece di "vôce/vôces".
  • Quando si desidera utilizzare una terza persona generica, è possibile utilizzare "a gente" o in un portoghese più colloquiale, "uma pessoa", "um gajo", "um individuo".
    • ad esempio, A gente sabe como resolver o problema

Infinito personale

Se nella maggior parte delle lingue l'infinito è un modo con una sola forma, in portoghese l'infinito ne ha due: può essere personale o impersonale. L'infinito impersonale è la forma base del verbo, come in qualsiasi altra lingua. L'infinito personale è spesso usato dopo preposizioni come "ao" o "para" per indicare più chiaramente a chi si riferisce l'azione espressa dal verbo.

  • Ao ouvir isso, eles ficaram felizes
  • Ao ouvirem isso, eles ficaram felizes

“Ser” e “estar”

Entrambi i verbi significano "essere", ma ciascuno di essi è usato in condizioni particolari e raramente sono intercambiabili. La scelta tra "ser" ed "estar" può confondere chi parla una lingua madre dove non c'è una tale differenza.

Ser

indica uno stato, una situazione o una condizione che è permanente o che difficilmente cambierà a lungo termine (come la nazionalità, la professione, il comportamento)

  • Sou Americano
  • A Torre Eiffel é em Paris

Estar

indica uno stato, una situazione o una condizione temporanea (stato d'animo, situazione di salute, sensazioni, posizione, ecc.)

  • Estou muito cansado
  • Ele está em casa

La pluralità dei verbi ausiliari

La lingua portoghese usa molte sfumature per mostrare il progresso di un'azione o come si è verificata ed è per questo che molti verbi servono come ausiliari.

I verbi ausiliari portoghesi possono essere suddivisi in 3 categorie:

  • Principali ausiliari – ter, haver e ser. "Ter" e "haver" sono utilizzati per formare le forme dei tempi composti. “Ser” è specifico della voce passiva.
    • Eu tenho dormido O Eu hei dormido
    • Ele foi visto na rua
  • Ausiliari utilizzati per indicare il progresso di un'azione: começar, andar, ir, vir, continuar, tornar, voltar, costumar, acabar, deixar. Sono usati con un verbo coniugato al gerundio o all'infinito:
    • Acabei de escrever o trabalho de casa. - Ho appena finito di fare i compiti
    • Deixou de chorar – Ha smesso di piangere
    • Ele anda organizando a gala - Sta organizzando il gala
  • Ausiliari utilizzati per indicare con maggiore precisione gli aspetti relativi allo svolgimento di un'azione, come ad esempio se si tratta di un'azione obbligatoriamente desiderata, voluta, possibile: dever, poder, querer, conseguir, pretendente, tentar, chegar. Sono anche usati insieme al gerundio o all'infinito.
    • Não consegue entender
    • Eles querem aprender inglês
Pubblicità
Pubblicità